English|Italian|Greek

05/01/2021

Pancora una volta siamo costretti ad emettere un comunicato in merito alle vicende giudiziarie che ingiustamente ci coinvolgono.

E’ emerso che le autorità inquirenti stiano accostando il nome della Xtream-Codes a quello di un’altra compagnia, denominata Xtream UI deducendo che noi stiamo continuando ad operare sotto il nome di quest’ultima.

Su questa infondata e pretestuosa asserzione bisogna essere più che chiari:

XTREAM-CODES NON HA NIENTE A CHE FARE NE’ CON XTREAM UI NE’ CON QUALSIASI ALTRA COMPAGNIA O SOGGETTO PRIVATO CHE UTILIZZI ILLECITAMENTE IL NOME O IL SOFTWARE XTREAM CODES.

Da quando abbiamo subito la chiusura forzosa della nostra compagnia, siamo stati costretti ad uscire dal mercato, sia perché eravamo pienamente fiduciosi che l’ovvia conclusione per la quale Xtream-Codes è totalmente estranea all’operato di alcuni suoi utenti sarebbe emersa in un breve lasso temporale, sia perché materialmente le nostre risorse economiche e mentali devono necessariamente essere impiegate in questo ingiusto processo che ci coinvolge.

Nonostante ciò, a distanza di più di un anno dalla chiusura della Xtream-Codes, ci viene addebitato, in maniera del tutto superficiale, di essere ancora operativi per il solo fatto che altri soggetti utilizzino illecitamente il nostro nome.

A tal fine abbiamo già provveduto a dare incarico ai nostri legali di agire innanzi al competente organo giudiziario per porre fine a tale ingiusto ed illegittimo utilizzo del nome della Xtream-Codes.

Infine, ci teniamo a fare alcune osservazioni.

Al momento della chiusura, Xtream-Codes contava circa 4000 utenti attivi ed in totale, circa 14000 utenti avevano utilizzato la nostra piattaforma. Inoltre, il 60% degli utenti proveniva da paesi extra europei.

Noi ci troviamo coin­volti in un ingiusto processo per il solo fatto che circa 20 utenti su 4000 sono accusati di utilizzare illecitamen­te il nostro software a nostra insaputa, nonostante la totale liceità del softwa­re e della compagnia, sui cui dividendi abbiamo ovviamente pagato le tasse allo stato della Bulgaria, dove abbiamo sede.

Al di là della pesante ingiustizia che emerge da questo dato, va tuttavia rilevato che secondo la tesi degli inquirenti, Xtream-Codes sarebbe la colonna portante del mercato illegale delle IPTV.

Eppure, non possiamo fare a meno di notare, anche grazie a quanto riportato dai media, che a distanza di oltre un anno dalla chiusura di Xtream-Codes, il mercato illegale delle IPTV sembra più florido che mai.

Potrebbe essere che Xtream-Codes, così come ogni altra compagnia che offre un software simile al nostro, non sia la causa del diffondersi del mercato delle IPTV illegali?

Potrebbe essere che gli inquirenti stiano percorrendo una strada totalmente errata che però coinvolga irrimediabilmente la nostra compagnia che poteva considerarsi all’epoca della chiusura una eccellenza europea?

La risposta a questi quesiti ce la darà il tempo; noi intanto rimaniamo a disposizione delle autorità inquirenti e rimaniamo fiduciosi nell’operato della magistratura.


17/11/2020

Dopo gli eventi della scorsa settimana, ci sentiamo in dovere di esprimere le nostre sensazioni in merito alla vicenda Xtream-Codes.

Preliminarmente, va chiarito il primo concetto chiave: Xtream-Codes E’ CONTRARIA ALLA PIRATERIA.

L’azienda svolge la sua attività di sviluppo software dal 2015 e fino alla sua chiusura, operava a livello mondiale. E’ prova di ciò il grande successo di utenti che utilizzavano la piattaforma Xtream-Codes ed a cui vanno i nostri più sentiti ringraziamenti, che hanno riconosciuto nel nostro prodotto, lo strumento più performante presente sul mercato, nell’ambito dei software per IPTV.  Negli anni abbiamo ricevuto tanti riconoscimenti e premi per il nostro lavoro da parte di tutta la comunità informatica (non da ultimo Xtream-Codes è stata riconosciuta come una delle 1000 aziende con la crescita più rapida in Europae doppo ke aver passato lo test di legittima come societa in USA abbiamo registrato la nostra societa in Nab Show di Las Vegas e abbiamo fatto un stand espositivo per il nostro innovativo software)

Il duro lavoro svolto in questi anni però, rischia di essere vanificato dalle vicende giudiziarie sorte in Italia nelle quali il nome della Xtream-Codes, senza alcun fondamento, viene accostato ad una associazione criminale dedita alla pirateria di contenuti coperti da copyright.

Negli anni Xtream-Codes ha sempre collaborato con le autorità giudiziarie internazionali al fine di bloccare il fenomeno della pirateria, per individuare e fermare chi utilizzava illecitamente la nostra piattaforma.

Quelle autorità giudiziarie, nella loro sacrosanta attività di contrasto alla criminalità, sono sempre partite dal giusto presupposto, che costituisce anche il secondo concetto chiave della vicenda: LA PIATTAFORMA Xtream-Codes E’ UN SOFTWARE ASSOLUTAMENTE LEGALE.

Per tali autorità, non vi è mai stato dubbio sulla liceità della piattaforma Xtream-Codes, ma esse hanno focalizzato la loro attenzione, giustamente, sull’uso distorto che alcuni utenti ne hanno fatto ed in tali casi, Xtream-Codes si è sempre mostrata collaborativa nel contrasto alla criminalità.

Il modus operandi dell’autorità italiana invece è stato, ad oggi, l’esatto opposto.

Giammai essa ha tentato di interloquire con Xtream-Codes per cercare di intercettare quella decina di utenti, tra gli oltre 4000 che contava la piattaforma prima della chiusura, che la utilizzavano in maniera illecita.

Xtream-Codes è stata di fatto equiparata a quella decina di soggetti, addirittura ponendola ai vertici di tale associazione criminale.

Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con le funzionalità della piattaforma Xtream-Codes e delle altre migliaia di piattaforme IPTV che tentano, tanto inutilmente quanto lecitamente, di emulare il nostro prodotto, non potrà che trovare tutto ciò paradossale!

Nel settembre del 2019 quindi, come è noto, il sito Xtream-Codes viene sequestrato ed inibito a tutti gli ISP.

Noi abbiamo accettato quella decisione, con la convinzione che presto la verità sarebbe venuta a galla.

Oggi, a distanza di circa un anno, la Xtream-Codes viene gravata di ulteriori severissime misure cautelari, che non possono essere qui riportate per questioni di riservatezza, poiché a dire di qualcuno, stiamo continuando la nostra attività con un diverso nome.

Per tale infamante affermazione, sfornita di ogni minimo fondamento, ancora una volta la Xtream-Codes ha dovuto subire gravose conseguenze, in primis in termini di reputazione, che abbiamo costruito con tanta fatica nel corso degli anni.

La risonanza mediatica di quanto avvenuto la scorsa settimana è assordante. Il buon nome della Xtream-Codes, in tutti gli articoli giornalistici riguardanti tali vicende, viene infangato e calpestato in contrasto con i principi di diritto unanimemente riconosciuti e per i quali nessuno è colpevole fino a sentenza definitiva. 

In rare occasioni i media hanno centrato la questione riguardante la natura di Xtream-Codes e la funzione che il suo software assolve. In tanti, compresi gli inquirenti, hanno confuso un software gestionale di IPTV, con una IPTV illegale. IPTV è un PROTOCOLLO per trasmettere contenuti televisivi su TCP / IP. Xtream-Codes non era altro che un software - la nostra creazione intellettuale originale - il migliore e insuperabile fino ad oggi, che ha approfittato di questo protocollo per offrire soluzioni e servizi impareggiabili in tutto il mondo. IPTV è il futuro ed è molto triste che siamo stati costretti a fermarci senza una buona ragione. È come se le autorità italiane stessero cercando di diffondere il messaggio che il software IPTV è illegale

Per questo motivo abbiamo deciso di rompere il silenzio e denunciare le pesanti vessazioni che stiamo subendo sia in quanto Xtream-Codes, sia personalmente, con la consapevolezza che dopo questa vicenda, alla quale siamo totalmente estranei, nulla sarà più come prima.

Ma, come disse qualcuno “presto il tempo degli onori sarà finito” e quanto gravemente supposto in questa fase dagli organi inquirenti, dovrà essere provato innanzi alla magistratura italiana, nella quale la Xtream-Codes ripone la massima ed incondizionata fiducia.

Ovviamente, l’incalcolabile danno che la Xtream-Codes ed i suoi amministratori stanno subendo non resterà impunito e, non appena la verità verrà fuori, presenteremo il conto per tutto questo.